Cos’è questo?

È un sito personale che ho realizzato per uso e diletto personale. L’ho messo in rete per condividerlo con alcuni amici ma non nego l’accesso a chiunque capiti qui per caso o a tanti vagabondi che vivono fuori dal mondo dilettandosi con la lettura o lo studio dei classici.

A titolo sperimentale ho attivato la ricerca ma solo per alcune opere. Da aprile 2018, quando avrò riportato tutto il materiale, sarà sufficiente registrarsi, indicando un indirizzo email  e una password, per immergersi in pagine immortali raccolte con la passione che si prova da pensionati. La registrazione sarà richiesta al solo scopo di impedire visite indesiderate di spider a vocazione hackereccia. 

Tutti i testi sono tradotti in italiano ma non ho seguito le mode attuali (ultimamente in uso persino in alcuni istituti universitari) che ricorrono a software con algoritmi intelligenti per tradurre le lingue. Non vi è algoritmo che possa  tradurre la sensibilità artistica di un grande autore latino dato il rapporto molto stretto fra semantica, semiologia, logica, psicologia, antropologia linguistica e quant’altro.

Alle mie traduzioni, “fatte a mano”, ho aggiunto altre disponibili su Internet: brani delle Confessiones (sito Agostiniani), della Summa Theologiae (padre Tito Centi), dell’intero Codex Iuris Canonici (sito del Vaticano) e di altri che sono state indicate nella pagina Fonti. Anche queste, ovviamente, sono traduzioni “fatte a mano”, prelevate da fonti ufficiali, riportate in gran parte intatte, qui aggiunte per offrire un ventaglio di confronto relativamente alla traduzione (letterale, libera, a senso, comunque sempre fedele e affidabile) e allo stesso termine latino usato con sfumature diverse da grandi autori che incarnano il concetto di identità culturale.

La mole di dati inseriti è tale che la ricerca di alcuni termini può produrre fino a 8000 risultati. Ovviamente, per tali casi, ne ho programmato un numero meno esagerato, più facilmente consultabile.

Entro aprile 2018 completerò la traduzione di alcuni libri dei Digesta e delle Institutiones (Corpus Iuris Civilis). Dei Digesta ho riportato “solo” la traduzione del primo libro e delle Institutiones i primi cento articoli.

Felice Massaro

___________________________

La consultazione è gratuita, la duplicazione del sito è vietata, è altresì vietata la duplicazione della sua struttura e del logo. Il materiale riportato non può essere usato per fini commerciali o professionalmente remunerativi. Alla ricerca si accede solo se registrati o autenticati per impedire visite indesiderate di spider a vocazione hackereccia.